Il 2023 si è concluso e voglio condividere con voi il mio lavoro in Consiglio Regionale.

Parto dai numeri che hanno contraddistinto la mia attività, conscio del fatto che non sempre sono esplicativi del percorso politico che ho intrapreso:

• 23 Interrogazioni

• 9 Proposte di legge

• 1 Provvedimento amministrativo

• 7 Mozioni

• 13 Interventi in aula

Entrando nel dettaglio del lavoro, si entra nel vivo dei temi che hanno mosso la mia azione politica nel tentativo, molte volte riuscito, di risolvere problemi e allargare lo spettro dei diritti per i cittadini calabresi: dalla parità di genere, al riconoscimento della Dismenorrea, dal contrasto dei fenomeni di delocalizzazione delle attività produttive e alla salvaguardia dei livelli occupazionali alla disciplina degli agri-nido e degli agri-asilo. Queste le istanze che ho racchiuso in proposte di legge di cui sono unico firmatario.

Delle Proposte di legge che ho depositato, due di queste, e di cui sono primo firmatario, sono diventate leggi: “Istituzione del Mese dei Bronzi di Riace” e “Turismo eco-sostenibile. Riconoscimento, promozione e valorizzazione di cammini di interesse regionale”.

Voglio anche ricordare il mio impegno costante per il territorio, che si è concretizzato nelle interrogazioni insistenti sulla Sila-Mare, sui disagi sanitari, sul rischio del disimpegno dei Fondi europei, sulla situazione precaria dei TIS e sui disservizi infrastrutturali delle nostre ferrovie e strade.

Sono sicuro di aver messo tutto il mio impegno nel lavoro che ho svolto fino ad ora, anche grazie al supporto che voi cittadini mi avete dato, conferendomi l’onore di rappresentarvi in consiglio Regionale.

Sono certo che il lavoro da fare è ancora tanto e gravoso, non per questo mi lascio intimorire e anzi, questa certezza è per me motivo di ulteriore impegno e concentrazione per far diventare la nostra regione una terra normale.

Con questo auspicio vi lascio i miei migliori auguri per un buon 2024.